Museo: Via colletta 20, Sinnai - Archivio: P.zza municipio 2, Sinnai
+39 340 667 1868
info@muasinnai.com

IL TUO SPAZIO

Lo spazio

Il Museo è ospitato in un edificio storico del XIX sec. al tempo noto come Casa della Colletta, da cui la stessa via prende il nome. In questa prima fase era usato per il deposito e la distribuzione della colletta ecclesiastica. Ha poi ospitato la caserma dei Cavalleggeri di Sardegna, il Municipio, la stazione del Corpo dei Carabinieri, la Biblioteca e l’Archivio. Negli anni ‘90 del XX sec. diventa sede museale. Oggi accoglie tre collezioni: una archeologica, una dedicata all’artista F. D’Aspro e un’altra dedicata a opere di altri artisti locali e internazionali.

Il museo

Vogliamo condividere con voi una definizione di Museo in cui crediamo tantissimo: 

È luogo di condivisione, apprendimento ed educazione per la comunità e della comunità, attraverso eventi, mostre, laboratori e corsi. È uno spazio senza confini né barriere in cui chiunque ha accesso a contenuti, attività e stimoli.

Uno spazio di tutti, quindi, un luogo nel quale ognuno di noi può e deve ritrovarsi. Una piazza di incontro e di condivisione dove l’archeologia, la storia e l’arte non sono solo tematiche di oggetti esposti ma piuttosto un veicolo e uno stimolo alla creazione di relazioni e di uno spirito critico.

collezione archeologica 

Cronologicamente è il Novecento che domina la collezione artistica, sia numericamente che in termini di contenuti. Ogni sei mesi l’allestimento cambia con una rotazione della collezione, in modo da creare sempre nuovi stimoli non solo espositivi ma anche contenutistici.

 

 

collezione d’aspro

Franco d’Aspro è un’artista piemontese nato a Mondovì nel 1911.  D’Aspro è stato un artista le cui opere difficilmente nascondono la natura della sua ispirazione, le tensioni emotive o, nelle sue opere sacre, il pathos della sua religiosità. 

collezione artistica

Una sala al piano terra del museo raccoglie prevalentemente tracce del passato del territorio di Sinnai, provenienti da scavi archeologici, ritrovamenti, donazioni e sequestri, e che raccontano la vita dell’uomo dal IV millennio a.C. all’VIII sec. d.C.

L’archivio storico di Sinnai è uno spazio vivo, aperto, stimolante ed educativo e raccoglie il patrimonio della collettività.
È uno strumento per conoscere Sinnai, il territorio limitrofo, le persone e la vita della comunità attraverso gli ultimi secoli.

Si trova al piano terra di quella che un tempo era la villa di Benvenuto Dol. Nel 1960, fu riorganizzata per ospitare il Municipio e il carcere, quest’ultimo adibito proprio nei locali in cui ora sono conservati i documenti di Archivio. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: